Image module

Poliedra approfondisce e diffonde la cultura del bamboo e sostenibilità sperimentando tecniche e
materiali naturali diffondendo la cultura della cooperazione.

Al centro del nostro interesse c’è la ricerca e la sperimentazione continua che ci porta a confrontarci giorno dopo giorno con i numerosi aspetti legati agli usi del bamboo, ci appassiona molto la  bioedilizia in generale, l’agricoltura, l’artigianato e tutto quello che la nostra immaginazione può materializzare con l’atto creativo.

In bilico fra gioco e serietà mettiamo in pratica le nostre passioni cercando di essere il più possibile rispettosi dell’ambiente che stiamo vivendo e delle persone che ci circondano nel presente che viviamo. Siamo esploratori di ciò che ci circonda e di noi stessi, un gruppo eterogeneo e mutevole nel tempo e in base alle attività. Un meltin pot di persone che hanno una visione del quotidiano rispettosa delle persone e dell’ambiente.

Chi Siamo

Perchè il bamboo?

Oggi sul territorio italiano abbiamo una presenza massiccia di bambù, importato in Italia dalle regioni tropicali e sub-tropicali dal 1884, che può essere utilizzato non solo per le sue qualità legate all’elasticità, alla leggerezza e alla resistenza, che ne consentono un vario uso in edilizia, ma anche in molti altri campi come l’alimentazione, l’artigianato, la produzione di energia, tessuti e filati… Il bamboo ha inoltre un elevato potere di assorbimento di anidride carbonica e inquinanti atmosferici e del suolo, ha potere fitodepurativo ed è ideale per contrastare smottamenti e dilavamento del terreno grazie al suo apparato radicale a maglia. Un materiale nuovo in occidente ancora tutto da esplorare.

Scopri le proprietà e caratteristiche del bamboo, l’oro verde dell’uomo povero!

Bamboo

Agricoltura Sintropica

L’agricoltura sintropica è una tecnica di coltivazione agroforestale, applicata nei paesi del sud America da molti anni, è una tecnica che permette la rigenerazione del suolo, anche se molto degradato, con un apporto minimo, se non nullo, di input esterni come fertilizzanti o ammendanti.  Il nome della tecnica è stato coniato da Ernst Gotsch più di 20 anni anni fa, che dopo aver approfondito le tecniche agricole di indigeni sud americani, ha codificato queste informazioni rendendole fruibili ad un pubblico più ampio e implementandole di dati tecnico-scientifici. Questo tipo di tecnica rigenerativa può essere applicata in piccola scala per autoproduzione familiare ma anche in modo estensivo e con l’utilizzo di macchine agricole. Un modello agricolo nuovo, ma vecchio di secoli, per aiutare la natura a fare il suo percorso, ovvero tendere a foresta.

Agricoltura Sintropica

Articoli che raccontano le nostre esperienze, piccoli tutorial e info varie…

Vai agli articoli