Vasca di trattamento Bamboo V1

marzo 2016

Una delle problematiche che ha impedito la massiccia diffusione del bambù in Occidente probabilmente è la facile attaccabilità da funghi e insetti, caratteristica che può essere ovviata con una raccolta in periodi precisi dell’anno e con adeguati trattamenti.

Fra questi il primo da cui abbiamo preso ispirazione è quello per immersione in una soluzione di acido di boro e sali di borace mantenuta ad una temperatura di circa 60°.

La prima vasca è stata costruita in maniera molto artigianale recuperando tavole da cantiere, tondini riciclati e ferri di vario tipo come contrafforti, per questo primo esperimento abbiamo deciso di tralasciare il riscaldamento della soluzione e concentrarci sui volumi di cui necessitavamo per lavorare.

Stendendo un doppio strato di telo bianco nero da agricoltura siamo riusciti a contenere circa un migliaio di litri di soluzione e a trattare le canne bambù di 6 metri di lunghezza raccolte durante tutta la stagione.

Il trattamento risulta efficace contro insetti ma resta il problema dell’essiccazione delle canne di bambù.


Leave a Reply

Your email address will not be published Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Detail

  • Vasca di trattamento di un laboratorio asiatico